Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • venerdì 15 luglio 2016

    Legge europea 2015/2016. Maggiori tutele per l'adempimento degli obblighi alimentari e familiari. In vigore dal prossimo 23 luglio.

    Con l'entrata in vigore della legge europea 2015 del 2016, il ministero della giustizia potrà accedere a tutte le banche dati pubbliche acquisendo le informazioni sulla situazione economica degli obbligati, trasmettendo i dati all’ufficiale giudiziario che procederà in via esecutiva a riscuotere i crediti alimentari.

    In conformità a quanto previsto dal testo di legge, il dipartimento per la giustizia minorile e di comunità, istituito presso il Ministero della giustizia, potrà accedere alle informazioni relative alla situazione economica e reddituale dei soggetti tenuti a pagare gli alimenti ad alcuni familiari. Tali informazioni potranno quindi essere trasmesse all'ufficiale giudiziario affinché questi proceda alla riscossione dei crediti alimentari non corrisposti in via esecutiva.

    Ammessa la possibilità di accedere al patrocinio a spese dello stato nelle controversie transfrontaliere rientranti comunque nell'ambito dell'Unione Europea anche con riferimento ai procedimenti relativi all'esecuzione delle obbligazioni alimentari o nelle cause relative alla sottrazione internazionale dei minori.

    Si prevede la possibilità di rilasciare il permesso di soggiorno per motivi familiari anche ai minori di quattordici anni di età che, sino ad oggi, dovevano invece essere iscritti nel documento dei genitori.