Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • sabato 1 aprile 2017

    Divieto assoluto di respingimento del minore straniero non accompagnato. Approvata la legge

    La Camera dei Deputati ha approvato il 29 marzo scorso Disegno di Legge n. 1658-B recante “Disposizioni in materia di misure di protezione dei minori stranieri non accompagnati”.
    Secondo la legge appena approvata per minore straniero non accompagnato presente nel territorio dello Stato italiano si deve intendere «il minorenne non avente cittadinanza italiana o dell’Unione Europea che si trova per qualsiasi causa nel territorio dello Stato o che è altrimenti sottoposto alla giurisdizione italiana, privo di assistenza e di rappresentanza da parte dei genitori o di altri adulti per lui legalmente responsabili" (art. 2).
    In nessun caso può disporsi il respingimento alla frontiera di minori stranieri non accompagnati.
    La normativa regola questioni importanti come l'accertamento dell'età e l'accesso a istruzione e cure.
    Viene inoltre garantita la presenza di mediatori culturali durante tutta la procedura.
    Istituito il Sistema informativo nazionale dei minori non accompagnati, presso il ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, unitamente ad una “cartella sociale” del minore, da trasmettere ai servizi sociali del comune di destinazione e alla procura della Repubblica presso il Tribunale per i minori.
    Nell'ambito dei procedimenti amministrativi e giudiziari, è attribuito anche ai minori stranieri il “diritto di ascolto“; il diritto all’assistenza legale avvalendosi del gratuito patrocinio a spese dello Stato.
    Gli enti locali potranno promuovere la sensibilizzazione e la formazione di affidatari, allo scopo di favorire l'affidamento familiare dei minori, in via prioritaria rispetto al ricovero in una struttura di accoglienza.
    Entro 90 giorni presso ogni tribunale per i minorenni dovrà essere istituito un elenco dei tutori volontari: all'elenco possono essere iscritti privati cittadini, selezionati e adeguatamente formati da parte dei garanti per l'infanzia e l'adolescenza, disponibili ad assumere la tutela di un minore straniero non accompagnato.