Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • domenica 26 novembre 2017

    Il Parlamento tenta il colpo di mano sul processo civile. Emendamento Viceconte

    Il Parlamento tenta il colpo di mano sul processo civile.
    Si ha notizia di un emendamento alla manovra economica, condiviso dal Governo, che si ritiene opportuno pubblicare e porre all’attenzione dei soci, con il quale la legislatura vuole offrire un regalo all’Avvocatura: la generalizzazione del processo sommario. Il regalo è un rito non scritto lasciato alla “prudenza del giudice” che metterà la difesa delle parti all’oscuro sulle regole ab initio e che farà certamente naufragare il processo civile nei tempi biblici della fissazione della prima udienza ponendo la sua durata sulla persona (spalle?) del giudice. L’Avvocatura e la Magistratura devo reagire all’unisono contro il nuovo caso di “cialtroneria legislativa e vandalismo istituzionale” (parole di Giorgio Costantino). Il processo familiare, perché collegiale, ne è immune, ma ha ben altri mali a cui pensare.