Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • sabato 6 gennaio 2018

    La separazione può essere addebitata anche se non si sostanzia in adulterio. Cass. 19 settembre 2017 n. 21657

    Valutabile in modo concreto l'addebitabilità della separazione ex art 151 cc anche senza evidenti prove di adulterio, qualora si valutino le modalità in cui si è consumata la condotta del coniuge, tenuto conto delle circostanze e del luogo in cui è avvenuta. Il principio di diritto in materia di  addebitabilità della seprazione infatti è stato delineato dalla Suprema Corte nel 2013 e sanciva che "La relazione di un coniuge con estranei rende addebitabile la separazione ai sensi dell'art. 151 c.c., quando, in considerazione degli aspetti esteriori con cui è coltivata e dell'ambiente in cui i coniugi vivono, dia luogo a plausibili sospetti di infedeltà e quindi, anche se non si sostanzi in un adulterio, comporti offesa alla dignità e all'onore dell'altro coniuge" Accolto il ricorso del marito e addebitata la separazione  donna, che pertanto perderà il diritto all'assegno di mantenimento di 800,00 € da partedell'uomo.