Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • venerdì 13 aprile 2018

    L’adottabilità del minore può essere dichiarata solo quando sono stati esperiti tutti i tentativi possibili con i servizi pubblici – Cass. 27 marzo 2018 n° 7559

    La presente sentenza, emessa poco più di un mese dopo la n° 3915 del 16 febbraio 2018, conferma l’orientamento della Suprema Corte in materia di dichiarazione di adottabilità. In un contesto familiare estremamente degradato, veniva richiesto e successivamente pronunciato lo stato di adottabilità di un minore sulla base delle relazioni dei servizi. Quello che emergeva dai fatti di causa era però un’attività ricognitiva e di controllo da parte dei servizi pubblici, i quali in realtà apparivano più che altro come sorveglianti della condotta della madre e non come soggetti propositivi di un concreto aiuto. La Corte di Cassazione conferma una volta ancora come per giungere all’extrema ratio della dichiarazione di adottabilità di un minore sia necessario che venga dimostrato un tentativo concreto e costante di supporto al genitore in difficoltà, tale da poter concludere che l’adottabilità sia l’unico residuo possibile strumento di tutela del minore.