Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • mercoledì 9 maggio 2018

    L’emersione di capitali detenuti all’estero senza regolare dichiarazione consente la revisione delle condizioni. Tribunale di Roma, 16 marzo 2018

    Giudizio di modifica delle condizioni della separazione.
    Di regola solo le sopravvenienze di fatto consentono la modifica delle condizioni statuite in sede di separazione.
    Gli accordi negoziali sottoscritti in sede di separazione consensuale omologata non sono modificabili in relazione a fatti dei quali le parti avrebbero dovuto tenere conto al momento della conclusione degli accordi di separazione
    Tuttavia quando circostanze rilevanti non erano conoscibili con l'ordinaria diligenza, per averle occultate la controparte, è consentita una revisione delle condizioni.
    Nel caso di specie è emerso nel corso del giudizio ex art. 710 cpc, in sede di CTU, che il marito, dopo l'omologa della separazione, aveva presentato domanda di volontary disclosure in relazione a cospicue sostanze detenute all'estero.