Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • giovedì 10 maggio 2018

    Figli collocati presso ciascun genitore se corrisponde al loro migliore interesse. Corte d'Appello di Roma 12 marzo 2018

    Giudizio di separazione.
    La richiesta di addebito della separazione è stata formulata per la prima volta in sede di comparsa conclusionale, essa è pertanto tardiva.
    La domanda relativa al collocamento della figlia presso la casa paterna, sul presupposto che ivi vi abita l'altro figlio, è parimenti infondata tenuto conto che l'attuale collocazione della minore corrisponde alla migliore condizione di benessere per la figlia sia per l'assenza di criticità quanto alla convivenza con la madre e alla relazione con il fratello sia, soprattutto, per l'inadeguatezza del comportamento paterno, rivelatosi di estrema rigidità nella posizione di chiusura alla relazione con la figlia, ora adolescente.
    Alla decisione concernente il collocamento della minore segue il rigetto della contestazione in punto di assegnazione della casa familiare, correttamente disposta dal Tribunale a tutela della prole minore