Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • sabato 19 maggio 2018

    I requisiti per l'assegno divorzile attengono alla mancanza di mezzi adeguati o di impossibilità di procurarseli e prescindono dal "tenore di vita". Tribunale di Matera, 7 marzo 2018.

    Il Tribunale di Matera, nella determinazione della sussistenza dei requisiti per l'ottenimento dell'assegno divorzile, prende come riferimento solo i presupposti previsti dalla legge 898/1970 in merito in particolare al requisito della  «mancanza di mezzi adeguati o di im-possibilità oggettiva di procurarseli»: previsione che introduce eccezione alla generale interruzione di ogni rapporto fra i coniugi con la fine del vincolo matrimoniale. La natura eccezionale della previsione, non può essere applicata oltre i casi in esso considerati, né può essere estesa interpretativamente. Dopo il divorzio cessano gli obblighi fra i coniugi da ogni punto di vista, a patto che non vi siano esigenze date dalla mancanza di mezzi di sussistenza o dall'impossibilità di procurarseli. E' solo ed esclusivamente su questi perni che debbono incentrarsi l'an ed il quantum dell'assegno divorzile e non su altri criteri interpretativi come quello del "tenore di vita" tenuto in costanza di matrimonio.