Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • martedì 22 maggio 2018

    sezione di Genova

    L'amministratore di sostegno è legittimato ad impugnare il matrimonio contratto dal beneficiario in condizioni di incapacità. Tribunale di Genova, 18 maggio 2018

    All'amministratore di sostegno è data facoltà di agire in giudizio, previa autorizzazione del giudice tutelare, per l'annullamento del matrimonio contratto dal beneficiario, allorché il suo consenso è viziato da incapacità di autodeterminarsi.
    La moglie, di molti anni più giovane, aveva contratto il matrimonio quando il marito aveva già manifestato disturbi cognitivi a causa di una grave forma di demenza degenerativa; al matrimonio erano intervenuti solo i parenti della sposa e quest'ultima non aveva mai risieduto col marito neppure dopo il matrimonio.
    La Ctu disposta in corso di causa confermava che la patologia neurodegenerativa della quale era affetto il beneficiario sin da epoca anteriore alla celebrazione del matrimonio, escludeva ch'egli fosse capace di esprimere un valido consenso alla data del matrimonio.
    Il Tribunale annullava pertanto il matrimonio.