Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • mercoledì 30 maggio 2018

    Legittime le limitazioni alla capacità di donare e di testare al beneficiario di amministrazione di sostegno. Cass. del 21 maggio 2018 n° 12460.

    E' corretto che il giudice tutelare applichi a determinati soggetti beneficiari di amministrazioni di sostegno dei provvedimenti di limitazione della capacità di donare e di testare che si adottano solitamente nelle diverse e più stringenti tutele di interdizione. Il beneficiario infatti era, nel caso di specie, affetto da prodigalità, perdita di memoria, confusione mentale e scarso senso del denaro. La ratio del provvedimento in questo senso limitativo è proprio quella di sostenere il beneficiario e proteggerlo da azioni che possano compromettere gravemente la sua condizione economica. Pertanto l'operato del giudice tutelare è stato legittimo e giustificato.