Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • venerdì 15 giugno 2018

    Il danno subito da un minore deve essere risarcito anche presuntivamente, fondandosi sulla minorazione di reddito conseguente alla lesione subita. Cass. del 15 maggio 2018 n. 11750.

    La quantificazione del risarcimento del danno subito da un minore al momento della nascita per problemi sorti al momento del parto deve contenere fra le voci di indennizzo anche quella relativa alla esclusa o diminuita capacità di produzione di reddito da capacità lavorativa. Anche se il soggetto in questione non produce attualmente reddito in quanto minore, è corretto che l'indennizzo abbia coperto anche detta voce, in quanto è ammissibile che la quantificazione dello stesso venga fatta in via presuntiva.