Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • mercoledì 27 giugno 2018

    La negoziazione assistita non è utilizzabile per divorziare se nel paese di provenienza della coppia è ammesso il divorzio diretto. Decr. Tribunale di Torino del 1 giungo 2018.

    Le casistiche in cui è ammesso il ricorso alle pratiche di negoziazione assistita in materia di famiglia da parte della coppia sono dettate dall’art. 6 comma I del d.l. n. 132 del 2014. In particolare il divorzio può essere ottenuto tramite questa tecnica deflattiva del contenzioso solo se sia avvenuta una separazione giudiziale o se vi sia stata una omologa di separazione consensuale. Nel caso di specie i coniugi avevano contratto matrimonio in un paese estero in cui vigeva il divorzio "diretto" e pertanto tale ipotesi non ricade fra quelle per le quali è ammessa la pratica della negoziazione assistita