Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • venerdì 25 gennaio 2019

    E' pacifica la revocabilità di atti del debitore avvenuti a titolo gratuito nei confronti dell'ex moglie. Tribunale di Vicenza sent. del 14 gennaio 2019.

    Nel caso di numerose pendenze debitorie nei confronti di un imprenditore, il creditore che si veda leso nel proprio legittimo interesse di essere soddisfatto potrà intraprendere azione revocatoria sia qualora il debitore ceda beni alla moglie in modalità gratuita in sede di separazione sia in caso compia la cessione dei beni ai fini di determinare un mantenimento del coniuge che, in seguito alla separazione diverrebbe più debole. In questo caso, qualora la cessione serva a fungere da mantenimento dell'ex, l'uomo potrà subire azione revocatoria qualora sia dimostrata la volontà di danneggiare coscientemente il creditore. La c.d. scientia damni è presunta qualora la crisi economica del soggetto è di dominio pubblico.